Numero cellulare   +39 338 609 7271

 

 

  • Impianti Terrestri
    Impianti Terrestri

    Il 4 luglio del 2012 l’Italia ha completato il passaggio al digitale terrestre. Ciò ha significato avere più canali, maggiore qualità sia di immagini che di suono, la possibilità di interazione e un minore inquinamento elettromagnetico.

    E' possibile ricevere il digitale terrestre tramite un decoder, che può essere già integrato o esterno al televisore, in base al tipo di apparecchio posseduto.

    Clicca qui

  • Impianti Satellitari
    Impianti Satellitari

    Oggi gli impianti satellitari si trovano su tutti i balconi o tetti delle città. Sono composti da un'antenna a forma di disco e da una parabola, che riceve il segnale trasmesso dai tanti satelliti in orbita geostazionaria intorno alla Terra, concentrandolo sul convertitore LBN situato nel fuoco della parabola.  Tra i più conosciuti Hot Bird, che trasmette molti canali italiani tra cui la pay per view SKY. 

    Clicca qui

  • Impianti Fibra Ottica
    Impianti Fibra Ottica

    La fibra ottica è il futuro della televisione.

    Piccolissimi cavi, quasi trasparenti, capaci di trasportare dati e informazioni ad altissima velocità. Sono maneggevoli e meno propensi a danneggiarsi, cosa che succede più frequente ai cavi elettrici, per questa loro fruibilità sono molto apprezzati dagli esperti installatori. Col tempo abbattono i costi e aumentano le capacità di connettere più utenti per linea.

    Clicca qui

Antennista a Rimini specializzato ed esperto in tecnologia digitale

 
Impianti digitale terrestre

LANTENNISTA di Rimini garantisce un puntuale ed efficiente servizio di consulenza e supporto tecnico a tutti coloro che hanno problemi con il segnale Digitale Terrestre.

In particolare, nell'ambito dell'adeguamento alla predisposizione degli impianti Tv al Digitale Terrestre, LANTENNISTA si occupa di:

  • Installazione antenne;
  • Installazione amplificatori e centralini Tv;
  • Calcolo ed installazione della distribuzione per avere la stessa potenza e segnale Tv uguale in tutte le prese Tv.

Per poter vedere i canali Digitale Terrestre forniti dai Broadcaster, Rai Mediaset La7 Dicovery Italia in primis, è assolutamente indispensabile dotarsi di un televisore con decoder incorporato oppure di un semplice decoder esterno all'apparecchio televisivo.

Per la realizzazione di impianti per il digitale terrestre, LANTENNISTA di Rimini offre soluzioni all'avanguardia e di pratica installazione, munite di componenti elettronici affidabili, capaci di garantire al cliente una visione ottimale. Il nostro centro professionale fornisce accessori, in grado di assicurare una visione fluida delle trasmissioni televisive, senza dar luogo a squadrettamenti dell’immagine o visione a scatti.

Per far sì che l'impianto sia correttamente funzionante ed efficiente, è indispensabile che l'installazione venga realizzata utilizzando materiali di qualità e alla luce di competenze tecniche qualificate.

Talvolta infatti capita di affidarsi a personale non adeguatamente formato o esperto, che, a prezzi contenuti, realizza lavori tanto insoddisfacenti da richiedere quasi sempre un secondo intervento, rendendo vani ed inutili gli eventuali risparmi. Allo stesso modo anche il "fai da te" casalingo non è in grado di sopperire adeguatamente alla presenza di un installatore competente, capace di realizzare un impianto a regola d'arte e preciso.

Il centro specializzato LANTENNISTA, mettendo in campo i migliori materiali presenti sul mercato e il massimo livello di professionalità, è in grado di garantirvi sempre risultati eccellenti.

Digitale Terrestre - La televisione

Il 4 luglio del 2012 l’Italia ha completato, allineandosi con gli altri paesi europei, il passaggio dal tradizionale sistema televisivo analogico al più evoluto sistema di ricezione televisiva di tipo digitale.

La TV digitale terrestre (DTT, Digital Terrestrial Television) rappresenta un'importante innovazione tecnologica, che ha permesso a tutti gli appassionati di programmi TV di ricevere il segnale di molte trasmissioni televisive, anche provenienti da altre regioni, senza l'obbligo di dover necessariamente installare una parabola sul proprio tetto o sul davanzale del balcone di casa.

In termini concreti, l'adeguamento del sistema televisivo tradizionale al nuovo innovativo sistema Digitale Terrestre si concretizza nell'aumento dei programmi televisivi disponibili. Il sistema Digitale Terrestre consente di trasmettere molti canali in più rispetto alla tradizionale televisione analogica su una singola frequenza televisiva. Possono essere infatti trasportati in digitale diversi canali a seconda del tipo di programmi e della qualità prefissata dall'emittente televisiva. Ciò consente il superamento dei limiti del sistema analogico, che non permetteva l'introduzione di ulteriori programmi TV, e la possibilità per l'utenza di espandere il proprio spettro di ricezione televisiva, fra cui numerosi canali per l'intrattenimento e l'informazione.

Le emittenti televisive possono inoltre scegliere di utilizzare una certa quantità di banda per trasmettere molti canali con una qualità più bassa oppure pochi canali con un'elevata qualità tipo i canali HD. Per ottimizzare la banda sono gia' in commercio televisori o decoder esterni con il digitale terrestre di seconda generazione (DVB-T2) che tramite algoritmi ancora piu' complessi riesce, a parita' di banda, ad aggiungere altri canali nella stessa frequenza oltre a quelli gia' trasmessi. Questa nuova tecnologia e' retrocompatibile, ciò significa che un decoder DVB T2 è in grado di ricevere anche programmi in standard DVB T ma non viceversa.

I vantaggi apportati agli Italiani dallo switch-off, termine tecnico con cui si suole indicare il passaggio dalla tradizionale televisione analogica terrestre alla televisione Digitale Terrestre, possono essere riassunti in:

  • Disponibilità di un numero molto superiore di canali da guardare;
  • Miglioramento della qualità dell’immagine e dell’audio;
  • Opportunità di usufruire di programmi interattivi, con video ed immagini ad alta definizione;
  • Possibilità di ascoltare programmi in lingua originale;
  • Riduzione delle interferenze e del rischio di un minore inquinamento elettromagnetico;
  • Opportunità di usare la televisione per l'impiego di servizi di informazione di pubblica utilità.

Digitale terrestre: c'e' il rischio di un nuovo switch-off?

Lo sviluppo delle reti dei cellulari con la conseguente vendite di digitale terrestre frequenze ha  portato nel caos la vendita dei televisori in arrivo, con gli apparecchi degli italiani a rischio rottamazione anche se acquistati nell'ultimo anno.

Per fortuna e' stato deciso che gli italiani non devono cambiare tv entro il 2020, come precedentemente detto. Per approfondire visita la nostra pagina Simulcast che spiega come e' stato adottato il codec MPEG 4 in Francia, il quale ha consentito di non cambiare lo standard di trasmissione e cio' ha permesso di utilizzare i televisore gia' installati nelle case dei francesi.

 Anche perché l'MPEG 4 è già presente da alcuni anni nei televisori in commercio e viene utilizzato per trasmettere i canali HD di Rai Mediaset e La7...