Numero cellulare   +39 338 609 7271

 

 

  • Impianti Terrestri
    Impianti Terrestri

    Il 4 luglio del 2012 l’Italia ha completato il passaggio al digitale terrestre. Ciò ha significato avere più canali, maggiore qualità sia di immagini che di suono, la possibilità di interazione e un minore inquinamento elettromagnetico.

    E' possibile ricevere il digitale terrestre tramite un decoder, che può essere già integrato o esterno al televisore, in base al tipo di apparecchio posseduto.

    Clicca qui

  • Impianti Satellitari
    Impianti Satellitari

    Oggi gli impianti satellitari si trovano su tutti i balconi o tetti delle città. Sono composti da un'antenna a forma di disco e da una parabola, che riceve il segnale trasmesso dai tanti satelliti in orbita geostazionaria intorno alla Terra, concentrandolo sul convertitore LBN situato nel fuoco della parabola.  Tra i più conosciuti Hot Bird, che trasmette molti canali italiani tra cui la pay per view SKY. 

    Clicca qui

  • Impianti Fibra Ottica
    Impianti Fibra Ottica

    La fibra ottica è il futuro della televisione.

    Piccolissimi cavi, quasi trasparenti, capaci di trasportare dati e informazioni ad altissima velocità. Sono maneggevoli e meno propensi a danneggiarsi, cosa che succede più frequente ai cavi elettrici, per questa loro fruibilità sono molto apprezzati dagli esperti installatori. Col tempo abbattono i costi e aumentano le capacità di connettere più utenti per linea.

    Clicca qui

 

Sky costretta a pagare la Rai per togliere l'oscuramento.

 
Sky costretta a pagare la Rai
La RAI sui decoder di SKY potrebbe non essere più oscurata.
 
Il garante delle comunicazioni, dopo anni di controversie, si approccia a risolvere la questione riguardante la RAI che oscura i suoi canali agli abbonati SKY quando nel palinsesto sono presenti eventi sportivi, trasmissioni di vario generre o film, giustificando il suo comportamento implicando i diritti dei fornitori dei programmi.
 
RAI e SKY dovranno trovare un accordo di 12 mesi, rinnovabili, che prevede un compenso equo, ragionevole ed economico.
 
Sicuramente non è la soluzione che si aspettava SKY, anche perchè i contenuti della RAI sono ceduti gratuitamente alla piattaforma Tivùsat, nata per ovviare i problemi di ricezione del segnale digitale in quelle zone dove tale segnale non è disponibile.
Dunque, SKY, essendo un operatore economico, dovrà riconoscere il pagamento dei contenuti forniti da terzi, la RAI, tenedo presente sia il valore dei contenuti che quello reputazionale dell'azienda.
 
Sono anni che si sta cercando una soluzione, fino ad ora gli unici che ci hanno rimesso sono i clienti di SKY che si vedono oscurare diversi programmi su Rai 1 Rai 2 e Rai 3. Programmi come gli eventi sportivi, trasmissioni di vario genere e film. Speriamo che questa sia la volta buona!